BURKE LASCIA BANNON. VEDETE BASSETTI MOLLARE IL PD?

Il cardinal Raymond Burke ha dichiarato ufficialmente che stava chiudendo la sua relazione con il Dignatitis Humanae Institute immediatamente, perché “Si è identificato sempre di più con il programma politico del sig. Bannon”. Raymond Leo Burke ne email Presidente onorario.

L’ultima goccia, che sembra aver portato alla decisione del cardinale è stata la notizia, data da LifeSiteNews secondo cui Bannon, o persone vicine a lui e all’Istituto avrebbero avuto l’intenzione di produrre un film sulla sottocultura omosessuale in Vaticano basandosi sul libro del francese Frederic Martel. La notizia ha prodotto fremiti inusuali di piacere nella stampa progressista, e Super Ex (Ex di Avvenire, ex di Movimento per la Vita, e di una serie di altre cose, ma non ex cattolico, anzi…e nonostante) ne ha preso atto e ha commentato con la solita aguzza penna. Buona lettura. 

Il cardinal Burke prende le distanze da Steve Bannon e Repubblica esulta. Va bene, ma occorrerebbe aggiungere altro. Occorrerebbe che il giornale di Scalfari e Bergoglio facesse mea culpa e riconoscesse un fatto: Burke é un cardinale della Chiesa cattolica, anzitutto un cristiano coerente.

È oggi con Bergoglio quello che era ieri con Benedetto.

Anche se questo oggi costa la persecuzione silenziosa, l’accantonamento, il disprezzo.

Ebbene da cristiano vero Burke non ragiona in termini di destra o sinistra, di potere ed opposizione, ma in termini di vero o falso. Tutto il resto viene dopo. Per questa somma libertà interiore il cardinale americano si inchina davanti al dogma, al Vangelo ma non agli uomini di parte, politica o religiosa.

Qualcuno immagina un Bassetti che prende le distanze dal Pd?

Un Bergoglio che riesca a non essere fazioso con i politici di centro destra? Impossibile.

Questo semplicemente perché solo chi ha uno sguardo davvero religioso, come Burke, può rimanere anche orfano politicamente.

Chi invece confonde religione è politica, fede e sociologia, Cristo con un leader politico, non sa né può farlo. Viva Burke, cardinale che con la sua fedeltà   e sincerità insegna ai cattolici che non tutto è perduto, che non tutti hanno tradito.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code