L’arresto di Charles Lieber Un chimico americano è sospettato di rapporti illegali con la Cina

Nel 2013 CHARLES LIEBER, un pioniere delle nanoscienze che ora è il presidente del dipartimento di chimica dell’Università di Harvard, ha visitato la Wuhan University of Technology (WUT), in Cina, per celebrare la fondazione di un laboratorio che gli è stato accreditato da quell’università per aver contribuito a stabilire e sovrintende: il WUT-Harvard Joint Nano Key Laboratory.

Fu un colpo notevole. WUT è un’istituzione di poca fama. Harvard è generalmente considerata la cima dell’albero accademico. E il dottor Lieber, la cui ricerca è stata vista da alcuni come un precursore dell’ambizioso piano di Elon Musk per potenziare il cervello umano con la nanotecnologia, è stato visto come un potenziale premio Nobel.

I funzionari di Harvard non avevano, tuttavia, approvato il laboratorio e non lo sapevano fino all’inizio del 2015, secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Né sapevano che mentre conduceva le sue ricerche con sovvenzioni del Dipartimento della Difesa e del National Institutes of Health (NIH), secondo le autorità federali, il dottor Lieber veniva anche pagato da WUT fino a $ 50.000 al mese, più almeno $150.000 in “spese di soggiorno”, come una preziosa recluta nel programma dei Mille Talenti in Cina per portare scienziati stranieri e restituire espatriati cinesi ai laboratori di ricerca di quel paese.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code